Storie


Questa è la storia di una INNOMINABILE, anche se un nome lo ha: Lucia…. Ieri era il mio compleanno, 27 anni, oramai alla soglia dei trent’anni. Età questa quando i miei genitori erano già sposati, avevano figli e una casa. Io invece sono laureata da due anni e mezzo e da allora sto cercando in […]


Questa è la storia di una INNOMINABILE, anche se un nome lo ha: Lucia….

Ieri era il mio compleanno, 27 anni, oramai alla soglia dei trent’anni. Età questa quando i miei genitori erano già sposati, avevano figli e una casa. Io invece sono laureata da due anni e mezzo e da allora sto cercando in qualche modo di farmi strada nel mondo del lavoro, ma putroppo senza molto successo.
Non è facile per noi giovani con anni di studi sulle spalle e un pezzo di carta in mano ma nessuna esperienza, perchè se trent’anni fa avere una laurea era un’arma vincente da utilizzare nei colloqui, ora è forse meglio evitare di inserirla nel curriculum. quante volte ci capita di essere rifiutati proprio perchè ‘troppo qualificati’? Eppure io ora, dopo mesi di ricerche lavoro come segretaria, con un contratto interinale, mille eruo al mese e nessuna speranza di assunzione. Un futuro fuori casa non me lo posso certo costruire in queste condizioni, ma devo comunque sopportare chi ai media dichiara “I giovani di oggi non hanno voglia di lavorare e preferiscono restare a casa con i genitori”. Questa, purtroppo, non è una scelta.
Da piccola sognavo di fare il medico, oggi sono una dottoressa in Relazioni Pubbliche e penso che forse se non avessi proseguito gli studi dopo le superiori, ora avrei un posto sicuro e dei soldi sul conto corrente. Allora il 2000 non era ancora iniziato….

 



Fai conoscere questo articolo:

    Ciò che non si conosce, ciò che volutamente e vigliaccamente si ignora o si snobba, è tutto ciò che fa paura. Istituzioni, sindacati, rappresentazioni sociali ed associazioni pubbliche hanno smarrito la via del dialogo, o meglio, sono diventati poco propensi all’ ascolto. Se qualcuno prestasse la dovuta attenzione alle storie di lavoro, piuttosto che del non […]


    chaplin

    Ciò che non si conosce, ciò che volutamente e vigliaccamente si ignora o si snobba, è tutto ciò che fa paura.

    Istituzioni, sindacati, rappresentazioni sociali ed associazioni pubbliche hanno smarrito la via del dialogo, o meglio, sono diventati poco propensi all’ ascolto. Se qualcuno prestasse la dovuta attenzione alle storie di lavoro, piuttosto che del non lavoro, proverebbe, anche se dissimulando, un senso di profondo sconforto.

    Voglio riportare in sintesi la storia di un laureato 27enne con il quale oggi ho parlato: con una laurea in scienze della formazione ha trovato un lavoro precario nel bar di un cinema multisala. Apprezzato dai colleghi per professionalità, cortesia, correttezza e bravura nello svolgimento della mansione è stato l’ unico dei dipendenti addetti al bar che non si visto rinnovare il contratto alla scadenza. Motivo ? I superiori hanno laconicamente sentenziato: “non ti rinnoviamo il contratto”. I colleghi, a quel punto, hanno deciso di riunirsi solidalmente e di chiedere formalmente ai gestori del cinema la riassunzione del collega, meritevole di tutta la loro stima ed ammirazione professionale. Questo ragazzo, oggi, non lavora più lì. Per quale ragione? Era troppo bravo !

    L’ establishment governativo rivendica la concertazione come strumento per incrementare lo sviluppo economico e professionale, ma la concertazione è prima di tutto condivisione, dimostrazione di un sentito interessamento alle problematiche giovanili e, soprattutto, propensione all’ ascolto.

    Abbiamo molte storie da raccontare, non vogliamo l’ aiuto caritatevole dell’ inutile assistenzialismo del passato, chiediamo soltanto di essere ascoltati.



    Fai conoscere questo articolo:

        (E. Munch: “La Disperazione”) Pubblico la testimonianza di una ragazza laureata del Sud: Sono nata nel Salento (prov. di Lecce) ma cresciuta in Lombardia xkè figlia di laureati del sud emigrati al nord x lavoro. Dopo 14 anni l’amore x questa terra ha avuto il sopravvento e così siamo ritornati nel salento. cinque dopo a partire […]


       disperazione

      (E. Munch: “La Disperazione”)

      Pubblico la testimonianza di una ragazza laureata del Sud:
      Sono nata nel Salento (prov. di Lecce) ma cresciuta in Lombardia xkè figlia di laureati del sud emigrati al nord x lavoro.
      Dopo 14 anni l’amore x questa terra ha avuto il sopravvento e così siamo ritornati nel salento.
      cinque dopo a partire sn stata io: e ho scelto Bologna,per i miei studi universitari: una città che mi ha dato tanto. con me,una valigia piena di sogni e ambizioni
      invece….
      4 anni dopo mi laureo ed entro di diritto in quello che chiamo
      l’”esercito dei disperati”ossia dei giovani laureati che come me cercano,cercano e provano di tutto,si accontentano,sopportano, piangono e alle volte esplodono….
      siamo tanti e me ne rendo conto ogni volta che tento una selezione, un colloquio e mi ritrovo a sentire storie che sembrano uguali anche se appartengono a giovani che vengono da posti diversi dell’Italia.
      nell’”esercito”mi sono arruolata 2anni e mezzo fa quando,a soli 23anni,credevo che con una laurea in mano mi si aprissero chissà quante porte.. macchè, le porte mi sono state sbattute in faccia non so + quante volte su è giù x l’ Italia. le solite cose “lei è troppo giovane”,”non ha sufficiente esperienza”(quando dovevo acquisirla se fino a 23anni avevo fatto un tour de force x laurearmi in tempo?)”ma lei a 23anni ha ancora voglia di studiare?”(ma perchè, allora sto facendo un colloquio x un master??)
      il primo lavoro: telemarketing x una nota compagnia assicurativa a 400euro al mese x sopravvivere a Bologna,x dar fastidio alla gente, ma dovevo pur iniziare a lavorare, fare esperienza…in realtà ho imparato poco e sn stata umiliata molto….ci mandavano in giro allo sbaraglio l’importante era fare budget  e se non ci riuscivi scattava il mobbing:quello pesante!tutto questo x 6mesi. poi ho mollato ho mollato anche Bologna, la città dove avevo studiato ormai satura sul fronte occupazionale…
      Appena tornata in Puglia ho fatto un’esperienza drammatica: il lavoro sembrava stimolante e compatibile con le mie ambizioni. mi avevano scelta xkè avevo fatto esperienza fuori e quindi maturato un forma mentis diversa da chi nasce e muore in questa terra senza “aprirsi” .un po’ come loro che si sentivano “moderni”x il fatto di avere vissuto a Milano. ma di “moderno” ho visto ben poco..il mio capo era un uomo dell’800 seduto dietro una scrivania lontano anni luce da un pc e da una rete!la moglie mi comandava a bacchetta ignorando le più basilari regole motivazionali.x me erano i primi giorni,ero bombardata da 1000input al secondo e ogni minimo errore era una tragedia!avevano capito che ero emotiva (ma chiunque i primi giorni di lavoro un po’ teso e impacciato lo è) e piuttosto che mettermi a mio agio e creare un buon clima organizzativo mi pressavano e facevano sentire incapace. mi hanno detto che ero lenta nell’apprendimento( non credo, ho superato 23 esami in 3anni e mezzo)e
      un bel giorno mi hanno dato dell’ignorante x aver scritto incombenza con la zeta……10minuti di rimprovero a porte chiuse (forse x la privacy)
      non potevo accettarlo, ho tirato fuori due vocabolari e gli ho sbattuti in faccia alla signora incredula…me ne sono andata a testa alta dopo mille umiliazioni accettate con educazione e rispetto. 

      Questa è la storia di una ragazza che ha conosciuto il vero mondo del lavoro.
      Finché la tolleranza e l’ ignavia caratterizzeranno la realtà lavorativa di molti giovani, laureati e non, solo le nostre storie potranno costituire una barriera posta contro gli abusi e le aggressioni subite nei luoghi di lavoro. 



      Fai conoscere questo articolo:

        « Pagina precedentePagina successiva »