Stage aziendale E’ il primo strumento di formazione che permette a chi sta per terminare gli studi, a chi da poco tempo ha conseguito il diploma di scuola superiore o una laurea, a persone disoccupate inserite in progetti di orientamento e formazione, di avvicinarsi in modo molto pratico e reale al mondo del lavoro, trascorrendo […]


Stage aziendale
E’ il primo strumento di formazione che permette a chi sta per terminare gli studi, a chi da poco tempo ha conseguito il diploma di scuola superiore o una laurea, a persone disoccupate inserite in progetti di orientamento e formazione, di avvicinarsi in modo molto pratico e reale al mondo del lavoro, trascorrendo un periodo di tempo presso un’azienda che opera in un settore attinente il proprio percorso di studi.
In questo modo, lo stagista, ha la possibilità di applicare direttamente le conoscenze acquisite durante gli anni scolastici ed accrescere quelle che possono essere le proprie abilità e competenze operando concretamente in una vera struttura aziendale – lavorativa.

Uno stage ha come finalità:
– Capire meglio se stessi e le proprie attitudini mettendosi direttamente alla prova.
– Avere un contatto diretto con le aziende e capire la loro organizzazione.
– Imparare ad orientarsi nel mercato del lavoro.
– Avere la possibilità di farsi notare all’interno di quella specifica azienda, dimostrando la propria serietà e capacità lavorative.

Tirocinio formativo
Il tirocinio formativo è destinato a tutte quelle persone che hanno adempiuto l’obbligo scolastico ai sensi della L. 1859/62 ed anche a cittadini sia Comunitari che Extracomunitari. E’ anche uno strumento utilizzato per far rientrare nel mondo del lavoro soggetti disoccupati.

Un tirocinio formativo può essere promosso da:
– Agenzie per l’impiego.
– Università, istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici.
– Provveditorati agli studi.
– Istituzioni scolastiche statali e non statali che rilascino titoli di studio con valore legale.
– Centri pubblici o a partecipazione pubblica di formazione professionale e/o orientamento nonché centri operanti in regime di convenzione con la regione o la provincia competente.
– Comunità terapeutiche enti ausiliari e cooperative sociali.
– Servizi di inserimento lavorativo per disabili gestiti da enti pubblici.

Possono, invece, ospitare i tirocini formativi, tutti i datori di lavoro di aziende pubbliche o private ma con i seguenti limiti:
– Per azienda fino s 5 dipendenti a tempo indeterminato, non più di 1 tirocinante.
– Per aziende con un numero di dipendenti a tempo indeterminato compreso tra 6 e 19, non più di 2 tirocinanti contemporaneamente.
– Per aziende con 20 o più dipendenti a tempo indeterminato, un numero di tirocinanti non superiore al 10% dei suddetti dipendenti.

La durata del tirocinio può variare in base a specifiche ben precise:
– 4 mesi per studenti frequentanti istituti scolastici secondari.
– 6 mesi per lavoratori inoccupati o disoccupati, in mobilità.
– 6 mesi per allievi di istituti professionali di Stato, di corsi di formazione professionale, studenti frequentanti attività formative post-diploma o post-laurea.
– 12 mesi per studenti universitari, compresi i frequentanti i corsi di diploma universitario.
– 12 mesi per zone svantaggiate.
– 24 mesi per portatori di handicap.

{lang: 'it'}


Fai conoscere questo articolo: